Coordinamento per la Pace – Trapani


3.419

immigratiTremilaquattrocentodiciannove. Tanti sono stati, secondo una stima dell’Onu, i migranti inghiottiti dalle acque del Mediterraneo nel corso dell’anno che sta per concludersi. Proviamo a rileggerlo questo numero abnorme, magari a voce alta: tremilaquattrocentodiciannove.
Di immigrazione si continua a morire, nonostante tutto. Evidentemente, le grandi operazioni militari come Mare Nostrum, spacciate dalla propaganda di governo come encomiabili missioni umanitarie, dimostrano tutti i loro limiti nel momento in cui si scontrano con la brutalità delle cifre. Cifre che sono persone in carne e ossa, donne e uomini costretti a morire a causa di leggi disumane che ne impediscono la libertà di movimento. Nel 2014 sono stati oltre 207.000 i migranti che hanno tentato di attraversare il Mediterraneo, scappando da guerre e miseria. Certo, in molti sono stati salvati, ma se ci fossero canali regolari e sicuri, e se le maglie giuridiche non fossero così strette al punto da costringere gli immigrati e i profughi alla clandestinità, allora non ci sarebbero i viaggi della speranza, non ci sarebbero gli scafisti, non ci sarebbero i trafficanti di uomini, non ci sarebbero gli sfruttatori e gli sfruttati. Soprattutto, non ci sarebbero i morti.
Ragionare apertamente su tutto questo serve a contrastare uno dei maggiori pericoli dei nostri tempi: l’indifferenza. È proprio sull’indifferenza che i professionisti della politica e del terzo settore coltivano i loro interessi sulla pelle dei disperati. Ad esempio, le recenti cronache sulla mafia romana hanno svelato quanto sia ghiotto il mercato della cosiddetta accoglienza, con fascisti ed esponenti del Partito democratico pronti a sedersi al medesimo tavolo per spartirsi la torta e fomentare l’odio razzista nelle periferie della capitale.
Gestire l’immigrazione significa gestire soldi, potere, controllo sulle vite: non c’è bisogno di andare lontano per ricordarci delle recenti inchieste che hanno coinvolto la Caritas trapanese scoperchiando scenari abietti a base di ricatti sessuali e permessi di soggiorno.
Tenere gli immigrati in uno stato di perenne sfruttamento significa disporre delle loro vite come fossero oggetti da usare e poi buttare. Un po’ come è successo a Bose Uwadia, costretta a prostituirsi a Trapani per pagare il debito contratto con chi l’aveva fatta arrivare in Italia, e poi ammazzata a Custonaci, molto probabilmente da un italiano.
Oggi, 28 Dicembre 2014, anche se il Centro di identificazione ed espulsione “Vulpitta” non c’è più, i quindici anni trascorsi dalla strage in cui morirono sei ragazzi imprigionati perché immigrati, ci consegnano la pesante eredità di un’Italia e di un’Europa che continuano a voltarsi dall’altra parte rispetto ai disastri prodotti dalle loro politiche di guerra e di esclusione.
Rabah, Nashreddine, Jamel, Ramsi, Lofti, Nasim non sono soltanto i nomi – che mai dimenticheremo – delle vittime del “Vulpitta”, ma rappresentano il nome collettivo con cui ricordare – senza mai cedere all’indifferenza – tutte le vittime delle frontiere e dei razzismi.

Coordinamento per la Pace – Trapani

28/12/2014

Annunci


CHIUDE IL “VULPITTA”, MA NON È ANCORA FINITA
vulpittaIl Centro d’Identificazione ed Espulsione “Serraino Vulpitta” di Trapani è stato definitivamente soppresso dalle autorità.
Per anni abbiamo desiderato che questo accadesse, lottando contro le mistificazioni, contrastando l’indifferenza, contribuendo nel nostro piccolo allo sviluppo di una sensibilità antirazzista (e, quindi, umana) che in questa città, e non solo, potesse dare un senso all’inaudito orrore consumatosi fra le mura di un casa di riposo trasformata dallo stato italiano in un campo di internamento, un posto infame nel quale sei persone sono morte e moltissime altre hanno sofferto violenze e umiliazioni.
Oggi, dopo sedici anni dalla sua inaugurazione, il “Vulpitta” chiude i battenti. Le tragiche e impunite vicende che ne accompagneranno per sempre il nome sono legate a una indimenticabile storia collettiva fatta di dolore, di lotte, di sacrifici, di mobilitazioni per la libertà e l’uguaglianza di tutte e tutti, contro ogni frontiera e ogni razzismo.
Eppure, non ci sentiamo granché sollevati.
Da quando fu istituito il “Serraino Vulpitta”, primo Centro di permanenza temporanea per migranti in Italia, le politiche europee e italiane sull’immigrazione non hanno conosciuto alcuna significativa inversione di tendenza. Si continua a ragionare in termini emergenziali e si continuano a pattugliare le frontiere con mezzi militari forse utili a salvare vite umane ma altrettanto necessari a garantire un approccio poliziesco e repressivo a un fenomeno che, invece, andrebbe compreso e affrontato nella sua complessità, garantendo diritti e libertà di spostamento.
Negli ultimi tempi sono aumentati esponenzialmente i conflitti, ed è sempre più drammatico l’impoverimento di ampie fasce della popolazione mondiale. Nel momento in cui scriviamo, le guerre intorno a noi sono tantissime: Palestina, Libia, Siria, Ucraina, Iraq, per citarne alcune. In tutti questi conflitti il ruolo più o meno esplicito delle potenze occidentali continua a essere determinante ma, nonostante questo, l’immigrazione viene ipocritamente considerata come un problema a sé, come se non ci fossero cause e contesti precisi, mandanti e beneficiari chiaramente riconoscibili.
E intanto, continuano a esistere i CIE, continuano a esistere le leggi che producono clandestinità e stragi, continua la speculazione affaristica sulla pelle dei migranti, continua lo sfruttamento della manodopera straniera a basso costo, continua la propaganda politica fatta di luoghi comuni e pregiudizi insopportabili.
Sì, il “Serraino Vulpitta” non c’è più, ed era ora. Ma resta ancora molto da fare.

Coordinamento per la Pace – Trapani
 
02/09/2014


IMPENDAM ET SUPERIMPENDAR – Sull’arresto di Sergio Librizzi
don-sergio-librizzi-300x199
Il recente arresto di Sergio Librizzi, direttore della Caritas di Trapani, è l’ennesima tegola che cade sulla già malconcia credibilità della Chiesa cattolica cittadina, ancora intenta a leccarsi le ferite dopo gli scandali finanziari dell’ex Vescovo Micciché (poi rimosso), e dello spregiudicato Ninni Treppiedi.
Adesso, la vicenda di Librizzi – accusato di violenza sessuale e concussione – aggiunge ulteriori elementi di infamia a un grumo di potere, quello clericale, le cui responsabilità sono tanto più gravi alla luce della pretesa superiorità morale di cui si ammantano i “pastori di anime”.
Prestazioni sessuali in cambio del permesso di soggiorno: questo pretendeva Librizzi, secondo le accuse, dai rifugiati e dai richiedenti asilo che affollavano i tanti centri di accoglienza gestiti dalla Caritas (e da enti a essa collegati) in città e in provincia. Un comportamento odioso che si commenta da sé.
Adesso le indagini andranno avanti alla ricerca delle prevedibili coperture di cui godeva il prete Librizzi, dagli ambienti della prefettura a quelli della questura, passando per tutta la filiera istituzionale che da anni si ingrassa sulla pelle degli sventurati che giungono in Europa alla ricerca di una vita migliore.
Se questa fosse una città normale, la gestione dell’accoglienza agli immigrati, più volte stigmatizzata nelle sue dinamiche dal movimento antirazzista trapanese e siciliano nel corso degli ultimi quindici anni, dovrebbe essere sottoposta a un radicale ribaltamento di senso.
Quando le vite e i destini di donne e uomini oggettivamente in difficoltà vengono interamente messi nelle mani di soggetti che esercitano un potere assoluto, gli esiti non possono che essere questi. Certi abusi sono possibili perché i meccanismi della legge li consentono e li agevolano.
Intanto, nell’attesa di ulteriori sviluppi, ogni volta che saremo tentati di provare disprezzo per un ragazzo africano che chiede l’elemosina davanti all’ingresso di un supermercato; ogni volta che noteremo con fastidio gruppi di immigrati vagare sperduti tra le strade della nostra città; ogni volta che resteremo incolonnati in macchina maledicendo quei “turchi” che bloccano la strada in segno di protesta; ogni volta che plaudiremo alle proposte di fare autobus per soli immigrati da Trapani a Salinagrande; ogni dannata volta che staremo per lasciarci andare a questi sentimenti ignobili e inumani, dovremo senz’altro ricordarci del prete siciliano Sergio Librizzi.
Coordinamento per la Pace – Trapani
03/07/2014


NOMI E COGNOMI – Comunicato sulla sentenza del Processo Rostagno
16 maggio 2014, 13:44
Filed under: Antimafia, Ciao Mauro, Comunicati, Territorio
rostagno_mauro_1
La condanna all’ergastolo inflitta ai mafiosi Virga e Mazzara per l’assassinio di Mauro Rostagno sancisce una verità giudiziaria che mancava da troppo tempo.

In primo luogo, esprimiamo la nostra solidarietà ai familiari di Rostagno, finalmente risarciti dei tanti torti subìti in tutti questi anni, sia per la vergogna di un delitto che sembrava destinato a rimanere impunito, sia per le calunnie con le quali in molti avevano cercato di infangare la memoria di Rostagno e di chi gli era vicino.

Era quindi necessario dare nomi, cognomi e volti agli assassini di Mauro Rostagno con una sentenza che facesse chiarezza sulla matrice mafiosa del delitto.

Dopo ventisei anni, sono stati condannati due mafiosi conclamati, già all’ergastolo per altri reati, e non ci sarebbe molto da aggiungere. Ma la sensazione, ancor più forte dopo lo svolgimento di questo processo, è che altri nomi e cognomi – magari legati alle istituzioni o ad altri gangli del potere – siano rimasti nell’ombra, protetti da ventisei lunghi anni di silenzio e di complicità.
Ciò che va sottolineato, infatti, è che questi tre anni di processo hanno offerto uno spaccato importante, seppur parziale, del nauseante contesto sociale e politico in cui maturò l’omicidio Rostagno. Lo dimostrano i tanti «non ricordo» e le incongruenze che hanno scandito le dichiarazioni di molti soggetti chiamati a testimoniare nel corso del dibattimento. Inoltre, questo processo ha evidenziato quanto forti siano stati i depistaggi e le rimozioni da parte degli investigatori (soprattutto i Carabinieri), particolarmente zelanti nel negare la pista mafiosa del delitto o nel minimizzare l’importanza dell’attività giornalistica di Rostagno, fatta di inchieste, denunce ed esercizio costante dello spirito critico in una città soggiogata dalla sua stessa ignavia.
La sentenza della Corte d’Assise di Trapani ci ricorda dunque che i tempi della giustizia dello Stato sono infinitamente più lenti di quelli del buon senso e della volontà delle donne e degli uomini liberi. Proprio per questo, la mafia va combattuta qui e ora, con i comportamenti quotidiani, con la solidarietà, con la giustizia sociale, con la ricerca della verità, con il contrasto ai soprusi di ogni genere, con l’impegno di tutte e tutti.
D’altronde, era proprio quello che ci diceva Mauro Rostagno, ogni giorno, al telegiornale.

Coordinamento per la Pace – Trapani



GLI AVVOLTOI
ImmagineNon siamo certo tra quelli che gioiscono sempre al solo tintinnare delle manette, né riteniamo che i cambiamenti sociali possano passare attraverso le aule dei tribunali.

Tuttavia, il rinvio a giudizio per la viceprefetto vicario di Gorizia, Sandra Allegretto, per il ragioniere capo della prefettura Colafati, e per il capo di Connecting People Giuseppe Scozzari, è una di quelle notizie che possono tornare utili a una maggiore consapevolezza dell’opinione pubblica.

Se gli esponenti governativi sono accusati di falso per l’inchiesta sulle fatture gonfiate nella gestione del CIE e del CARA di Gradisca d’Isonzo, la banda di undici persone capitanate da Scozzari dovrà invece rispondere di associazione a delinquere finalizzata alla truffa ai danni dello Stato.

Negli ultimi quindici anni, le denunce, le manifestazioni, le proteste del movimento antirazzista nelle quali si stigmatizzava la speculazione affaristica che si cela dietro il business della cosiddetta accoglienza agli immigrati, non erano di certo campate in aria. Come avvoltoi, i professionisti dell’accoglienza non hanno fatto altro che lucrare sulla disperazione altrui. Ed è ancor più significativo che una notizia del genere esca nel momento in cui il CIE di Milo, gestito per un certo periodo proprio da Connecting People (così come una miriade di strutture più o meno detentive in provincia di Trapani, “Vulpitta” compreso), è teatro dell’ennesima protesta degli immigrati reclusi.

Pare che il CIE di Milo non debba più chiudere, al contrario di quanto annunciato dalla Prefettura di Trapani poche settimane fa. Ma è ormai evidente che questo modello di gestione dell’immigrazione sia assolutamente indifendibile, sotto tutti i punti di vista.

Coordinamento per la Pace – Trapani



NISCEMI – LA GUERRA IN CANTIERE
25 gennaio 2014, 13:46
Filed under: Comunicati, Pace, Territorio

Niscemi – La seconda parabola del Muos è stata issata e collocata nel suo alloggio in cima alla torre.

Negli ultimi giorni i lavori hanno subìto una brusca accelerazione.
Militari statunitensi vanno su e giù a bordo dei fuoristrada per monitorare gli attivisti No Muos che osservano il cantiere. La mobilitazione continua. Adesso, due attivisti sono incatenati al cancello n. 1 della base militare di contrada Ulmo.

Documenti e foto su: http://www.nomuos.info/

parabole_bis



Trapani, 28 Dicembre 2013 – Foto
29 dicembre 2013, 03:55
Filed under: Antirazzismo, C.I.E. "Serraino Vulpitta", No C.P.T./C.I.E.

28dicembre2013_128dicembre2013_228dicembre2013_328dicembre2013_4