Coordinamento per la Pace – Trapani


GRANDE CITTÀ, GRANDE LAGER, GRANDE FUGA

«Non vogliamo essere trattati come animali. Vogliamo rispetto». Questa rivendicazione di dignità, pronunciata tante volte dai tanti immigrati reclusi al “Serraino Vulpitta” o al CIE di Milo, rimane sempre attuale. La fuga di massa (ottantasei persone!) di venerdi scorso dal centro di internamento di contrada Milo non ci stupisce e, come sempre in questi casi, ci allarga il cuore. Nelle scorse settimane si erano avute notizie davvero raccapriccianti dall’inferno di Milo: botte e rappresaglie poliziesche ad ogni cenno di proteste da parte dei reclusi, immigrati stipati in dodici all’interno di celle da sei posti, atti di autolesionismo, scioperi della fame e della sete per protestare contro una detenzione intollerabile e contro i rimpatri a tappe forzate.
Ora che il piccolo e famigerato “Vulpitta” è stato nei fatti declassato a una sorta di “centro di transito”, le maggiori tensioni si registrano nella maxi struttura di Milo che continua a essere – come tutti i CIE – una polveriera sociale pericolosa e indegna di un paese civile.

Coordinamento per la Pace – Trapani

17/04/2012

Annunci





I commenti sono chiusi.



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: