Coordinamento per la Pace – Trapani


Ciao Mauro – V edizione
15 settembre 2006, 20:03
Filed under: Antimafia, Appelli, Ciao Mauro, Comunicati, Documenti, Territorio, Volantini

Sono passati diciotto anni dall’assassinio di Mauro Rostagno. In tutto questo tempo sembra che molti abbiano rimosso il ricordo stesso della sua figura e del suo contributo per la crescita civile e culturale di questo territorio: questa rimozione, agevolata dai poteri più o meno occulti che tengono in pugno le sorti della nostra città, è servita per far dimenticare che anche a Trapani è possibile esercitare un giornalismo libero e indipendente o che semplicemente si può agire con coscienza e spirito critico per la costruzione di una società civile, capace di incidere realmente nel tessuto vivo della città.L’omicidio di Rostagno è stato perpetrato per uccidere Trapani e ogni speranza per un suo riscatto civile, e l’incredibile omissione di giustizia che si consuma da quasi vent’anni è un chiaro segnale di come questo sporco affare sia stato funzionale agli interessi di chi vuole che a Trapani viga una pax mafiosa duratura e permanente e che la verità su questo assassinio non si sappia mai. In questi diciotto anni Trapani non solo non è cambiata, ma è diventata una città grottesca in cui le contraddizioni sociali stridono sempre di più nell’indifferenza generale. A fronte di un robusto maquillage del centro storico modellato ormai a misura di turista e che ha spianato la strada a una speculazione edilizia e immobiliare su vasta scala, i quartieri popolari delle periferie versano in condizioni aberranti: mancanza di un normale approvvigionamento idrico, disoccupazione crescente, disagio abitativo, servizi sociali inesistenti, devastazione culturale e ambientale. Il modello socio-culturale predominante è rappresentato da un egoismo sempre più diffuso che si rispecchia in una scarsa solidarietà civica: una situazione realizzata ad arte anche attraverso un’informazione parziale e distorta che non può non avvantaggiare i poteri forti. Come se tutto questo non fosse sufficiente, Trapani resta, con i suoi due campi di internamento per immigrati (CPT “Vulpitta” e centro di identificazione di Salinagrande), una città di frontiera, avamposto nella repressione nei confronti di chi, scappando da miseria e guerre, cerca semplicemente una vita migliore. Tutto questo non dovrebbe accadere in una città che vuole promuovere se stessa sulla ribalta internazionale: una giusta e sana vocazione turistica non può ledere i diritti della collettività e delle fasce sociali più svantaggiate poiché i diritti fondamentali come l’acqua, la casa, il lavoro, l’istruzione, devono sempre avere la priorità. Se così non è, i “grandi eventi” sono solo fumo negli occhi. Questi sono alcuni degli spunti che vogliamo offrire alla riflessione collettiva attraverso il ricordo di Rostagno e del suo impegno civile e professionale dedicato ai trapanesi. Non solo e non tanto una commemorazione, quanto un appuntamento per incontrare la cittadinanza, i giovani, gli studenti e tutte le realtà associative che operano in questo territorio e per tenere viva la voglia di contribuire al progresso sociale e civile della nostra città e per sradicare attraverso la partecipazione e la cittadinanza attiva i germi della mafia, del malcostume e dell’omertà ancora troppo presenti nella nostra città e in tutta la Sicilia.

Arci Agorà

Arciragazzi

Coordinamento per la Pace – Trapani

26 SETTEMBRE 2006

CINEMA DIANA, TRAPANI

ORE 21.30 PROIEZIONE DEL FILM “UNA VOCE NEL VENTO” Interverrà il regista ALBERTO CASTIGLIONE. Seguirà dibattito. INGRESSO LIBERO (gradito un contributo per l’autofinanziamento delle iniziative!)

SABATO 30 SETTEMBRE 2006

CASINA DELLE PALME, TRAPANI dalle ore 17.30 fino a tarda sera

«CIAO MAURO» – V EDIZIONE MUSICA, LETTURE SCENICHE, BANCHETTI A CURA DELLE ASSOCIAZIONI, VOLANTINAGGIO.
SONO PREVISTI MOMENTI DI MICROFONO APERTO PER I PARTECIPANTI.

Annunci